Regione Lombardia doti per formazione

In data 12 aprile 2012 è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia l'Avviso Dote Impresa, che ha come obiettivo quello di sostenere il miglioramento e l'innalzamento del livello delle conoscenze e competenze in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
Interessati a tale avviso sono le micro e le piccole imprese (0 - 49 dipendenti) della regione Lombardia che intendono formare soggetti in esse occupati in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro.

Privacy dichiarazione aggiornamento studio 2012

La prassi dello Studio, relativa agli adempimenti di cui al D.Lgs 196/03 ed in relazione al rapporto professionale intercorrente con i nostri clienti, non prevede mai la nostra nomina quali responsabili esterni del trattamento.

La nostra linea di condotta, dopo attenta valutazione delle norme, è di operare sempre quali autonomi titolari del trattamento, al fine di:
- tenere ben distinte le rispettive responsabilità, assumendoci interamente quelle relative al nostro operato;
- non ingenerare eventuali ulteriori complicazioni negli adempimenti a carico del cliente.

Nuova formazione per la sicurezza

IN SINTESI
I lavoratori di tutti i settori devono ricevere una formazione di base di 4 ore sui rischi generalmente presenti sui luoghi di lavoro ed altre 4/8/12 ore di formazione specifica in funzione dell’attività aziendale.
Per le tutte le aziende manifatturiere – c.d. “rischio alto”, la formazione viene quindi ad essere pari a 16 ore in totale.
Una formazione specifica e' prevista per preposti e dirigenti.
E' stata rinnovata ed estesa anche la formazione dei Datori di Lavoro che svolgono anche le mansioni di RSPP.

PRIVACY novita' 2012

Il Decreto Legge 9 febbraio 2012, n. 5 introduce, nell’ambito della normativa Privacy, un’importante novità: l’eliminazione del Documento Programmatico sulla Sicurezza – c.d. DPS-.

N.B. Rimane in vigore l’obbligo di adozione di tutte le altre misure minime di sicurezza richieste dalla legge (ad es.: nomine, lista annuale degli incaricati, password, backup, antivirus, informative, ecc.).
Il DPS è sempre stato semplicemente il documento formale che descriveva l’adozione di tali misure.

Modulo Detrazioni Irpef

Documento : Modulo Dichiarazione Detrazioni Irpef

Documento 2: Avvertenze e guida alla compilazione

Modulo Detrazioni Irpef

Per effetto del “DL Sviluppo” a far tempo dal 2012, i lavoratori dipendenti, i pensionati ed i titolari di redditi assimilati a lavoro dipendente, non hanno più l’obbligo di dichiarare annualmente al sostituto d’imposta (datore di lavoro)   i dati relativi alle detrazioni Irpef per familiari fiscalmente a carico.

E' tuttavia obbligatorio per i soggetti sopracitati comunicare eventuali modifiche dei carichi familiari.

Aggiornamento SISTRI

Come da precedente comunicazione si ricorda che il Decreto milleproroghe ha posticipato l’entrata in funzione del SISTRI dal 9 febbraio 2012 al 2 aprile 2012; sembra che in fase di conversione in legge il termine sia stato ulteriormente spostato al 30 giugno 2012. Ulteriori notizie a breve.

Deducibilita' IRAP dal 2012

Nel documento sono presenti:
DEDUCIBILITÀ IRAP RELATIVA AL COSTO DEL LAVORO
DEDUZIONE IRAP PER DONNE E GIOVANI
LIMITAZIONI USO DEL CONTANTE

Accordo Stato Regioni formazione Lavoratori 12 2011

La formazione dei lavoratori, si articola in due momenti distinti: formazione generale (con programmi e durata comuni per i diversi settori di attività) e formazione specifica, in relazione al rischio effettivo in azienda. (rilevato in funzione del settore ATECO di appartenenza).

Durata minima complessiva dei corsi di formazione per i lavoratori, in base alla classificazione dei settori di rischio:

4 ore di Formazione Generale + 4 ore di Formazione Specifica per i settori della classe di rischio basso: TOTALE 8 ore

Accordo Stato Regioni formazione Datori di Lavoro 12 2011

Per quanto riguarda la formazione dei datori di lavoro che svolgono direttamente i compiti di RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione), la nuova disciplina sostituisce le indicazioni dell’articolo 3 del Decreto Ministeriale 16 gennaio 1997, introducendo obblighi di aggiornamento (art.7) quinquennali (di 6, 10 e 14 ore in base a tre livelli di rischio: basso, medio, e alto individuato in funzione del Settore Ateco di appartenenza dell’azienda).

Pagine

Subscribe to Studio De Ambrogio e Ghirardini RSS