Tu sei qui

Partite IVA riconducibili al lavoro subordinato

Pubblicato il decreto Ministeriale con i requisiti degli albi, registri, ecc., per la non applicazione della presunzione sulle c.d. Partite IVA

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato, in data 27 dicembre 2012, il Decreto Ministeriale 20 dicembre 2012, con il quale evidenzia l'ambito di non applicazione della presunzione prevista dall'art. 69-bis, comma 1, del D.L.vo n. 276/2003 per quanto riguarda le c.d. Partite IVA.

In sintesi: la c.d. riforma Fornero ha introdotto la presunzione di trasformazione delle c.d. Partite IVA in contratti di lavoro subordinato in relazione a determinati presupposti.
Tale presunzione non opera con riferimento alle prestazioni lavorative svolte nell'esercizio di attività professionali per le quali l'ordinamento richiede l'iscrizione ad un ordine o collegio professionale, ovvero ad appositi registri, albi, ruoli o elenchi professionali qualificati che sono esclusivamente quelli tenuti o controllati da una Amministrazione Pubblica, nonché da federazioni sportive, in relazioni ai quali l'iscrizione è subordinata al superamento di un esame di stato o comunque alla necessaria valutazione, da parte di specifico organo, dei presupposti legittimanti lo svolgimento dell'attività.