Tu sei qui

GESTIONE DI UN INFORTUNIO

STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO Laura –GHIRARDINI Diego
Via Francesco Crispi 19 21100 Varese

Varese 5 marzo 2021
Modalità gestione infortunio sul lavoro - INAIL
Un infortunio sul lavoro è ogni incidente che avviene per causa violenta in occasione dell’attività lavorativa dal quale derivi l’inabilità temporanea al lavoro o conseguenze più gravi; tale evento è coperto dall’assicurazione obbligatoria Inail.
Nell’ambito dell’infortunio sul lavoro sono ricompresi tutti gli eventi che possono accadere durante lo svolgimento dell’attività lavorativa, sia quando si è in servizio sul posto di lavoro, ma anche quando, sotto determinate condizioni, l’infortunio avviene durante il percorso casa-lavoro, ma anche durante il tragitto abituale per consumare i pasti nel caso di aziende prive di servizio mensa (c.d. infortunio in itinere).
Cosa fare in caso di infortunio sul lavoro
Il lavoratore in caso di incidente sul lavoro deve avvisare subito il datore di lavoro e raggiungere il più vicino Pronto Soccorso per gli accertamenti di rito ed il rilascio del primo certificato medico.
Tale certificato viene trasmesso per via telematica all’Inail dal medico certificatore o dalla struttura sanitaria che presta la prima assistenza.
Il lavoratore deve consegnare o inviare il certificato medico di primo soccorso al proprio datore di lavoro il quale procede alla denuncia di infortunio inviandola per via telematica all’Istituto entro due giorni: dall’incidente o dal ricevimento del certificato medico.
La mancata denuncia di infortunio sul lavoro nei termini viene sanzionata amministrativamente con un importo che va da € 1.290 fino ad € 7.745.
Il lavoratore deve porre attenzione alla prognosi indicata sul certificato di pronto soccorso perché entro la sua scadenza deve recarsi a visita medica presso gli ambulatori Inail competenti che provvederanno alla certificazione medica successiva da consegnare al datore di lavoro. La sede competente Inail a trattare il caso di infortunio è quella nel cui territorio l’infortunato ha stabilito il proprio domicilio/residenza.
In caso di mancata guarigione ed ulteriore prognosi i medici provvederanno a fissare nuovi appuntamenti per le cure del caso e la continuazione dell’inabilità temporanea con ulteriore certificazione. (sul certificato viene riportato che l’infermità determina inabilità con prognosi dal giorno X al giorno Y).
I medici dell’Inail, una volta ritenuto guarito l’infortunato, procederanno alla chiusura dell’infortunio con un apposito certificato che è necessario per la ripresa del lavoro e da presentare al Datore di Lavoro (sul certificato viene riportato quando l’infermità è cessata e l’infortunato può riprendere il lavoro il giorno X).
Al termine della procedura l’Inail invierà una comunicazione (denominata prospetto liquidazione indennità) con la specifica dei giorni totali di inabilità riconosciuti e indennizzati con un calcolo parametrato alla retribuzione giornaliera media o convenzionale con aliquota applicata al 60% per i primi 90 giorni e al 75% per i successivi giorni (dal 91º giorno) sino alla guarigione (spesso l’importo liquidato a saldo di questa indennità è corrisposto direttamente dal datore di lavoro che lo anticipa nel prospetto paga).