Tu sei qui

Utilizzo scale portatili

Il rischio di caduta dall’alto (nei lavori edili).
L'utilizzo della scala portatile, nonostante la presunta semplicita' del mezzo, risulta statisticamente foriero di numerosissimi infortuni.
La Regione Lombardia ha evidenziato tale situazione emanando Linee Guida per l'utilizzo di tali mezzi in sicurezza.

E’ ormai ampiamente noto che nei lavori edili la caduta dall’alto rappresenta la modalità di accadimento di infortunio che, con maggiore frequenza, genera infortuni gravi e mortali. Nelle numerose analisi statistiche disponibili in letteratura, la percentuale dei casi attribuiti a caduta
dall’alto sul totale degli infortuni gravi varia dal 30 al 40%, quanto a numero di casi; è costantemente intorno al 40%, quanto a numero di giornate perse; è attorno al 50%, quanto a gradi di invalidità permanente riconosciuti.
E’, quindi, del tutto appropriato che nel comparto delle costruzioni edili le iniziative di prevenzione del rischio di caduta dall’alto assumano una priorità assoluta in termini di energie e di risorse dedicate, trattandosi di un rischio che con elevata probabilità genera un danno grave e con un impatto elevato anche rispetto a parametri di natura socio - economica.
Sono, invece, meno note, in quanto prevalentemente di dimensione locale, le analisi statistiche che nell’ambito degli infortuni gravi e mortali in edilizia per caduta dall’alto hanno analizzato i diversi determinanti, quali coperture, opere provvisionali, automezzi ed, appunto, l’uso di scale portatili, e che hanno messo in evidenza il “peso statistico” elevatissimo della scala.